Il paradigma Open Hardware nei sistemi di monitoraggio ambientale e di Protezione Civile

5 giugno 2017 alfonso 0 Comments

Seminario

Il paradigma Open Hardware nei sistemi di monitoraggio ambientale e di Protezione Civile

Nuove opportunità per applicazioni operative, didattiche e di ricerca

Sala Stampa Università della Calabria, martedì 20 giugno 2017

locandina Open Hardware

Il seminario è frutto del percorso didattico dell’insegnamento di “Monitoraggio e Preannuncio dei Rischi Idrometeorologici e Marittimi”, erogato nel Corso di Studio in Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio (Laurea Magistrale), afferente al Dipartimento di Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e Ingegneria Chimica (DIATIC) dell’Università della Calabria. Durante il corso gli studenti hanno avuto l’occasione di installare presso il DIATIC, manutenere ed analizzare i dati di una stazione meteorologica donata dalla Fondazione CIMA (Centro Internazionale in Monitoraggio Ambientale, Savona). La strumentazione installata si basa sul concetto di “Open Hardware”, che prevede la progettazione condivisa di alcuni elementi del sistema, attività di auto-produzione mediante semplice assemblaggio di elementi commerciali, auto-installazione e manutenzioni condotte direttamente dall’utente finale per la raccolta ed il controllo di ogni tipo di parametro ambientale anche in ambienti remoti ed ostili, mantenendo standard qualitativi professionali. Il seminario tratta la tematica dei sistemi di monitoraggio ambientale, con particolare riferimento a quelli finalizzati alle attività di Protezione Civile, introducendo e valutando le opportunità offerte dall’approccio Open Hardware.

Programma

Ore 09:30         Saluti
Prof. Gino Mirocle CRISCI – Rettore Università della Calabria
Prof. Girolamo GIORDANO – Direttore Dipartimento di Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e Ingegneria Chimica (DIATIC)

Ore 10:00         Introduzione
Ing. Alfonso SENATORE – Docente del corso di Monitoraggio e Preannuncio dei Rischi Idrometeorologici e Marittimi, Corso di Studio in Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio
 
Ore 10:15         Interventi
Prof. Salvatore STRAFACE – Coordinatore del Corso di Studio in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio
Ing. Raffaele NICCOLI – Dirigente del Centro Funzionale Multirischi ARPACal
Prof. Giuseppe MENDICINO – Ordinario di Costruzioni Idrauliche, DIATIC
Ing. Adriano FEDI – Centro Internazionale in Monitoraggio Ambientale (CIMA)

Al termine degli interventi, gli studenti del corso di Monitoraggio e Preannuncio dei Rischi Idrometeorologici e Marittimi (A.A. 2016/17) descriveranno la loro esperienza nell’installazione e gestione di una stazione meteorologica Open Hardware presso il DIATIC

Il seminario è valido ai fini della Formazione Professionale Continua. Agli ingegneri iscritti all’Albo verranno assegnati 4 CFP

 

locandina Open Hardware

#ACRONET#CIMA#Ingegneria per l'ambiente e il territorio#Monitoraggio e Prannuncio dei Rischi Idrometeorologici e Marittimi#Open Hardware#pluviometro#sensori meteo#sensori meteorologici#termometro

Previous Post